Tennis // Attività Agonistica (storia)

Fin dalle origini il Tennis Club Ambrosiano si inquadra in una attività agonistica di alto livello, ottenendo in pochi anni grandi successi sul piano nazionale. Già nel 1951, appena costituito con l’attuale denominazione, schiera nelle sue fila grandi giocatori come Fausto Gardini e Gianni Cucelli che portano il Circolo alla vittoria nella Coppa Brian, allora Campionato Assoluto Italiano a Squadre.

Il successo nella Coppa Brian viene bissato nel 1952 con gli stessi giocatori, rinforzati da Umberto Bitti Bergamo. Nello stesso anno, 1952, il Tennis Club Ambrosiano riporta la vittoria nella Coppa Bonacossa , Campionato Assoluto a Squadre femminile, con le giocatrici Anca Vignali e Lea Pericoli, in quel periodo ancora non pienamente affermata. La stessa squadra con il valido rinforzo di Maria Frigerio vince la Coppa Bonacossa anche nel1955 .

Grande attenzione il TCA ha sempre dedicato alla Scuola Tennis che ha espresso come grandi protagonisti i vincitori della Coppa Porro Lambertenghi (Campionato Italiano under 12): nel 1959 Sergio Dal Monte (vincitore nello stesso anno anche del campionato del mondo ORANGE BOWL), nel 1976 Stefano Girodat e nel 1973 Manuela Zoni che vince nel 1975 anche il “Torneo Avvenire”, una delle poche tenniste italiane a conquistare questo importante torneo.

Fra le grandi giocatrici nella storia del TCA, oltre alla Zoni, ha un posto di assoluto rilievo Maria Frigerio che, socia del circolo da oltre 50 anni, vince complessivamente in carriera 18 titoli italiani in diverse categorie e specialità (singolare, doppio femminile e misto), portando su tutti i campi, in Italia e nel mondo, la sua grande passione e spirito agonistico, cogliendo anche da sup

Nel settore maschile, un campionato di ottima tradizione per il Tennis Ambrosiano è sempre stato quello di 3° categoria, la famosa coppa Facchinetti. La prima vittoria risale al 1951 con in squadra il grande Orlando Sirola , che sarebbe esploso ad alto livello pochi anni dopo facendo il suo esordio in Coppa Davis. Il successo nella Facchinetti fu replicato nel 1965, 1967, 1974 e nel 1982; mentre negli anni successivi la squadra del TCA si piazza sempre nelle prime posizioni.erlady significativi successi, tra cui spicca il titolo di singolare over 60 ai Campionati Europei di Baden Baden nel 1986.

Molti giocatori, oltre a quelli già menzionati, hanno onorato in 50 anni i colori del TC Ambrosiano (Merlone, Ocleppo, Bonaiti, Gilardelli, Albani, Bottazzi, Bertolini, Borroni, ecc.), ma sicuramente il massimo interprete della tradizione sportiva del TCA è Giuseppe Morelli, Maestro presso il circolo dal 1965. Autentica promessa del tennis italiano Morelli vince la Coppa Lambertenghi nel 1953, arriva in 1°Categoria a 18 anni e si dedica subito dopo all’insegnamento, continuando comunque una intensa attività agonistica frutto della sua grande determinazione, serietà e passione sportiva, vincendo complessivamente 24 titoli italiani e 2 titoli mondiali. Anche negli ultimi 10-15 anni da super veterano, Morelli mantiene il tradizionale “furore agonistico”, trasmettendolo ai coetanei del circolo che trascina nel tempo sempre ai primi posti dei campionati a squadre (over 55, over 60, over 65) fino a portare il Tennis Club Ambrosiano a conseguire  il titolo italiano F.I.T. over 65 nel 2005 ed il titolo italiano AIVAT over 65 nel 2009.

Anche in periodi più recenti il Tennis Ambrosiano mantiene le sue squadre sempre in posizione di vertice, pur in una realtà sempre più competitiva. Spiccano negli anni 97 e 98 i successi nel Campionato Italiano femminile under 16 e under 18, conseguiti da una formazione che, accanto alla già affermata Antonella Serra Zanetti, schierava la giovanissima Elisa Villa, uscita dal vivaio del Circolo. Elisa Villa, proseguendo un percorso sportivo di grande successo, conquista nel 1999 il Titolo Italiano di seconda categoria e si afferma stabilmente fra le prime 30 giocatrici italiane, raggiungendo la posizione numero 364 nella classifica mondiale WTA.

Trascinata dall’entusiasmo e dalla carica agonistica di Luca Bottazzi, responsabile del settore agonistico del TCA per alcuni anni, anche la squadra maschile di vertice di categoria B consegue brillanti risultati, coronandoli con il Titolo Italiano di Seconda Categoria a squadre conquistato nel 1999 con una formazione di giocatori di valore assoluto: Luca Bottazzi,  Massimo Bertolini, Corrado Borroni, Federico Mordegan, insieme a Juri Margotto vincitore nello stesso anno anche del Campionato Individuale di 2° Categoria.

Nel 2011 tornano protagoniste le squadre più rappresentative del Circolo, cogliendo nuovamente risultati di prestigio. In campo maschile i ragazzi ottengono la promozione in Serie A2, superando nei play off il TC Lanciano; protagonisti della scalata sono stati: Giacomo Oradini, Viktor Galovic (prodotto del vivaio interno), Marco Danelli, Marc Reyes e Edoardo Taraschi. Nel settore femminile inattesa promozione delle ragazze al Campionato di Serie B, con la vittoria nell’incontro decisivo contro il CT Pesaro; questa la squadra: Camilla Frigerio, Federica Prati, Fiona Solomon, Yana Morar e Camilla Orlandi.

Da segnalare la crescita continua del settore agonistico dell’Ambrosiano, gestito dai Maestri Fabio Menati e Giorgio Tacconi. Di sicuro avvenire il gruppo degli under 12 maschile, con Manuel Massimino, Faderico Arnaboldi e Mattia Bellucci, già ai vertici della loro categoria, a livello individuale e di squadra.

Tra le ragazze Federica Prati, Fiona Solomon e Yana Morar, stanno per affacciarsi al tennis professionistico, con la partecipazione ai tornei internazionali junior e future. Dietro di loro un nutrito vivaio è la garanzia di continuità generazionale, a testimonianza di quanto sia importante il percorso tecnico sportivo al Tennis Club Ambrosiano.