Il Club // Museo

rendering_museo

Il Progetto Museo ha partecipato e vinto nel 2006 il concorso indetto dall’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio per la realizzazione di un Museo tematico permanente dedicato al tennis.

Il MUSEO, unico sul territorio nazionale, sarà realizzato con formula rivoluzionaria, con ambienti e scenari digitali interattivi in cui immagini, suoni e luci seducono l’attenzione e la partecipazione di visitatori di tutte le età.
Il MUSEO tratterà il tennis in tutta la sua essenza, analizzandone gli aspetti sportivi, agonistici, scientifici, sociali e storici.

Mille metri quadrati di tastiere, postazioni e schermi con cui il visitatore potrà interagire, selezionare campioni del passato e attuali per studiarli e sfidarli in partite virtuali, rivivere, o per i più giovani scoprire, incontri storici che sono rimasti nella memoria collettiva, rinnovando così l’entusiasmo che questo sport riesce sempre a suscitare.

Il Museo occuperà un intero piano della nuova palazzina del TC Ambrosiano, che sarà costruita a fianco dell’attuale, per complessivi 3.200 m2, e che ospiterà:

PIANO INFERIORE – centro benessere con sauna, bagno turco e locali per il trattamento del corpo, una piscina dedicata all’acquagym, una grande palestra con sala macchine e sala corpo libero
PIANO INTERMEDIO – dedicato ad attività ludiche e culturali con sala biliardo, grande sala carte e spazi per eventi, meeting e mostre
PIANO SUPERIORE – interamente dedicato al Museo del Tennis

Nell’ambito del progetto è prevista anche la ristrutturazione dell’attuale club-house del TCA con la razionalizzazione dell’area reception, la creazione di luminosi spazi per la conversazione e la socializzazione, la riorganizzazione dell’area bar e l’ampliamento dell’area ristorante affacciata sulla piscina e sul confinante parco Lambro.

Il costo complessivo del progetto è di 5 milioni di euro, di cui uno già speso per il rifacimento degli spogliatoi e la sistemazione della terrazza, 2 finanziati in conto capitale con un contributo ministeriale e due finanziati con un mutuo della durata di 18 anni, garantito dalla fidejussione del Comune di Milano deliberata dal Consiglio Comunale in data 11 ottobre 2012, come riportato nell’allegato articolo de La Gazzetta dello Sport del 12 ottobre 2012.

La nuova struttura sarà indicativamente pronta nel 2015.